domenica 20 maggio 2018

Big Pharma "possiede" e controlla la maggior parte dei finanziamenti per la ricerca medica universitaria... 

Natural News.
SA DEFENZA 
Quanto sia importante avere indipendenza nella ricerca e disporre di adeguate risorse nel campo della ricerca universitaria, è di fondamentale importanza per essere liberi da pressioni monetarie esterne alla ricerca, dunque uno Stato sovrano che si rispetti finanzia da se stesso la ricerca in questi settori di vitale importanza per la salute dei cittadini;  perciò poiché l'adulterazione delle idee avviene tramite marketing attuato da Big Pharma, nel settore della ricerca con finanziamenti ad acta, è altamente insidioso e non etico permettere che questo avvenga tanto più che può generare una corruzione  basilare  nelle scelte farmacologiche, per la cura dei pazienti futuri, dei medici ricercatori.
Sa Defenza

L'industria farmaceutica è stata attentamente esaminata in passato per aver cercato di acquistare e influenzare il favore dei professionisti e dei medici. Ma ora che la corruzione a tutto campo è diventata più difficile da attuare, perciò l'industria ha trovato mezzi più insidiosi per tenere le mani sul piatto: finanzia la ricerca medica a livello universitario. Perché dedicare tutto il tempo e gli sforzi a persuadere un fornitore di servizi sanitari già affermati, quando possono conquistare il favore dei giovani professionisti? L'influenza di Big Pharma sulla ricerca medica universitaria non può essere ignorata, soprattutto quando sono loro a finanziarne la maggior parte.

Come rivelato recentemente da The Daily Sheeple , il finanziamento della ricerca universitaria di Big Pharma è in aumento da 30 anni. Sin dagli anni '80, l'industria farmaceutica ha fornito più fondi per la ricerca di quanto il National Institutes of Health (NIH) abbia concesso in sovvenzioni. Nel 2011, Big Pharma distolse il NIH dal finanziamento della ricerca medica per otto miliardi di dollari .

Big Pharma assicura il suo futuro influenzando i giovani

Il finanziamento degli sforzi di ricerca nelle scuole di medicina offre al settore farmaceutico molteplici opportunità non solo di influenzare l'esito di tale ricerca, ma anche di influenzare l'atteggiamento degli studenti. Uno studio del 2011 ha dimostrato che quanto più gli studenti di interagiscono con Big Pharma, tanto più favorevoli sono le loro opinioni sul settore. Come hanno scritto i ricercatori di Harvard nella loro conclusione:

La formazione medica universitaria fornisce un contatto sostanziale con il marketing farmaceutico e la portata di tale contatto è associata ad atteggiamenti positivi sul marketing e sullo scetticismo riguardo alle implicazioni negative di queste interazioni.

In altre parole, più gli studenti di medicina hanno contatto con Big Pharma, più è probabile che vedano l'industria con una luce positiva. E forse ancora più importante, è meno probabile che credano che l'industria li stia corrompendo. Questa nozione è corroborata dai dati del sondaggio, che hanno mostrato alcuni risultati inquietanti.

Gli studenti hanno ammesso di ritenere in maniera preponderante che la ricerca e i materiali forniti da Big Pharma erano probabilmente di parte. Tuttavia, questa convinzione non ha impedito loro di dire che le informazioni fornite dai rappresentanti farmaceutici facevano "parte della loro preziosa educazione".

Regali, finanziamenti e altro supporto per conquistare gli studenti

Ironia della sorte, molti studenti ritengono inoltre che sia appropriato per loro accettare regali da rappresentanti del settore - ma molti dicono anche che non saranno influenzati dalla presenza del rappresentante farmaceutico, anche se i loro coetanei potrebbero esserlo. La dissonanza cognitiva è forte.

La ricerca ha dimostrato che i medici che ricevono doni - anche solo un pasto - dai rappresentanti farmaceutici tendono ad avere pratiche di prescrizione diverse da quelli che non lo fanno. Pensate che la stessa reazione si applicherebbe agli studenti? Il team ha scoperto che vedono il settore in modo più favorevole quando hanno più contatti con rappresentanti delle aziende farmaceutiche.

Il team di Harvard ha anche scoperto che nel corso degli anni il contatto degli studenti di medicina con l'industria farmaceutica è molto aumentato. Due studi recenti hanno rilevato che il 100% degli studenti di medicina ha avuto contatti con un rappresentante farmaceutico in almeno un'occasione.

Nel 2008 , AMSA (American Medical Student Association), ha collaborato con The Pew Charitable Trusts per elaborare una "tabella sul conflitto di interessi". Meno del 15% delle scuole ha ottenuto una A o B - il che significa il restante ~ 85% delle scuole ha avuto un rilevabile livello di conflitto, grazie a Big Pharma.

Oltre a mantenere un elevato livello di interazione con gli studenti, Big Pharma è una delle principali fonti di finanziamento per la ricerca medica - come può non essere un problema per la salute pubblica? Big Pharma crea i farmaci per un proprio guadagno , e poco altro. La scienza indipendente è veramente parte integrante della protezione effettiva della salute delle persone, tuttavia questo tipo di corruzione discreta sta accadendo nelle università di tutto il paese.

Scopri di più su cosa è reale e cosa è fraudolento su FakeScience.news .

Le fonti :

TheDailySheeple.com

NCBI.NLM.NIH.gov

HealthNutNews.com

ProPublica.org

*****
http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/palestina-protezione-internazionale-e.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 



sabato 19 maggio 2018

Palestina: protezione internazionale e amministrazione fiduciaria


Sami Jamil Jadallah
Veterans Today
Sa Defenza 


Pochi giorni, i paesi arabi e musulmani, alcuni con riluttanza hanno inviato rappresentanti di grado inferiore, hanno partecipato a una conferenza speciale dell'Organizzazione degli Stati islamici su richiesta del presidente turco Erdogan.


ASSENTI DA UNA CONFERENZA COSÌ IMPORTANTE C'ERANO IL PRESIDENTE DELL'AUTORITÀ PALESTINESE (TERMINI SCADUTI 10 ANNI FA) E I LEADER DELL'ARABIA SAUDITA, DELL'EGITTO E DEGLI EMIRATI ARABI UNITI. 
  L'IDF israeliano ha sparato avere scuse, come si fa con la sulla croce rossa, a Gaza

L'incontro si è concluso con la richiesta di una commissione d'inchiesta internazionale sulle massicce sparatorie su dimostranti disarmati a Gaza e un appello per una protezione internazionale dei palestinesi a Gaza e in Cisgiordania.
Ecco il problema Non sono sicuro di come funzioneranno queste forze internazionali e se gli Stati Uniti su ordini di Israele pongano il veto su tale proposta e se il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in balia del veto degli Stati Uniti sarà mai in grado di portare avanti tale richiesta e tanto meno una risoluzione.



Cecchini israeliani  sparano su bambini disarmati a Gaza "per proteggere Israele".

Ancora più importante  questo si adatterebbe all'OLP e Mahmoud Abbas con gli 80.000 uomini delle forze di sicurezza palestinesi si mangiano più del 60% ($ 1,3 miliardi all'anno) del bilancio annuale dell'Autorità Palestinese e che in 25 anni non è riuscito a dare in genere alcuna sicurezza  nemmeno per il popolo palestinese. Non è riuscito a prevenire un singolo attacco da parte di coloni criminali, non è riuscito a prevenire l'uccisione mirata israeliana, non sono riusciti a impedire la demolizione di una sola casa, non sono riusciti a impedire l'ingresso forzato delle forze di sicurezza israeliane in un villaggio o addirittura in una casa, e il peggio è che non sono riuscito a prevenire l'incendio o lo sradicamento di un singolo olivo o di impedire un singolo attacco a una moschea o una chiesa.
Come  può  avere senso richiedere protezioni internazionali quando, le forze di sicurezza dell'OLP e di Fatah, non sono riuscite a fornire tale protezione. Ovviamente tutti noi dobbiamo capire che le forze di sicurezza palestinesi, come concordato a Oslo, dovevano fornire protezione e assistenza dall'occupazione israeliana con la sua missione nei Territori occupati, fornendo sicurezza ausiliaria dall'esercito israeliano e coloni israeliani armati.
Si può capire il bisogno di una tale forza a Gaza che potrebbe richiedere il disarmo sia di Hamas che della Jihad islamica, il che non è una cattiva idea se queste forze di sicurezza internazionali  impedissero attacchi israeliani e  difendono il popolo di Gaza dai jet israeliani, carri armati e droni, e se tali forze di sicurezza avranno gli ingranaggi militari necessari per resistere ad un assalto israeliano. Ovviamente questo significa l'apertura del porto e dell'aeroporto e tutti gli accessi internazionali per il popolo di Gaza. È meglio dare l'accesso attraverso i porti e gli aeroporti senza doversi preoccupare che l'Egitto chiuderà i suoi confini.
Tuttavia, tutto ciò avrà senso solo se il Consiglio di sicurezza dell'ONU, senza alcun veto da parte degli Stati Uniti, promuoverà una "amministrazione fiduciaria internazionale" per prendere in carico sia la sicurezza dei Territori Occupati (Gaza e Cisgiordania) sia le amministrazioni del affari civili dei palestinesi sotto l'occupazione.
Questo ovviamente significa sollevare l'OLP e Fatah da dirigenti dell'occupazione israeliana e la perdita di un contratto molto redditizio che ha reso tutti i leader di queste organizzazioni multi-milionari, e significa anche che Hamas deve rinunciare sia alla sicurezza che alle amministrazioni di Gaza.
Agenti israeliani all'interno dei governi degli Stati Uniti e in altri paesi come la Francia e il Regno Unito con posti nel Consiglio di sicurezza dell'ONU diventeranno molto attivi facendo in modo che tali cose non accadano mai costruendo le scuse di Israele, che uccide centinaia e feresce migliaia di manifestanti civili disarmati, si stia difendendo , con un editoriale simile sia nel New York Times che nel Washington Post che difendono il diritto di Israele di uccidere e uccidere civili innocenti e disarmati che stavano manifestando all'interno della loro stessa terra di Gaza assediata e mai abbastanza vicini da essere motivo di preoccupazione per il massiccio schieramento israeliano di cecchini.

FINO A QUANDO L'OLP E FATAH NON DECIDONO CHE È IL MOMENTO DI PORRE FINE A QUESTA TRAGEDIA, LA COSPIRAZIONE E LA FRODE CHE SI È PERPETUATA SUI PALESTINESI  NEGLI ULTIMI 60 ANNI, E RINUNCIARE AI LORO  INTERESSI FINANZIARI NELLA CONTINUA OCCUPAZIONE, NON PUÒ ESSERCI NESSUNA SPERANZA CHE COSE DEL GENERE PRENDANO POSTO. DI SICURO L'OLP SI FRAPPONE COME UNICO E LEGITTIMO RAPPRESENTANTE DELL'OCCUPAZIONE ISRAELIANA.
L'amministrazione fiduciaria internazionale garantirà che Israele evacuerà i Territori Occupati, getterà l'accusa sull'accordo di Oslo, disarmerà tutti i coloni israeliani e i trasgressori, disarmerà tutte le fazioni palestinesi incluse le forze di sicurezza dell'OLP in un periodo interinale di 5-7 anni durante il quale la speranza è che si formi ed emerga una nuova leadership palestinese per rimpiazzare questa vecchia leadership corrotta, incompetente e illegittima che ha dirottato la causa palestinese negli ultimi 60 anni.
La nuova leadership dovrebbe lavorare con quegli israeliani che sono disposti a rinunciare al loro razzismo sionista e l'apartheid per lo Stato e tutti i suoi abitanti. Se accadrà, questa è l'unica soluzione che hanno davanti.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 

IL LOBBYING DELLA VIOLENZA SCOLASTICA


Una delle discussioni che hanno segnato l’ultimo mese ha riguardato la violenza scolastica. In particolare hanno suscitato polemiche le affermazioni del giornalista Michele Serra, il quale ha individuato nell’incultura del “popolo” una delle cause principali delle continue aggressioni agli insegnanti. Prima di stabilire se le tesi di Serra siano classiste o razziste, di destra o di sinistra, si tratta di capire se esse abbiano o meno un fondamento nei dati di fatto; e non ce l’hanno.
L’errore di metodo sta nel delimitare l’aggressione contro gli insegnanti nello stretto ambito della violenza fisica, mentre c’è anche la violenza morale e psicologica. Una famiglia “colta” e privilegiata può infatti aggredire un docente senza ricorrere alle classiche vie di fatto ma con strumenti “civili” e “giuridici”. Vi è stato infatti anche il caso di un insegnante querelato per diffamazione per aver trascritto una nota disciplinare sul registro elettronico. Sebbene la famiglia querelante non sia riuscita ad ottenere una sentenza favorevole in tribunale, l’effetto intimidatorio nei confronti del docente è stato raggiunto ugualmente, poiché gli sono state procurate ansie, insonnie e spese legali, solo in parte compensate dalla sentenza finale. Il blog Orizzonte Scuola, che riporta la notizia, conclude seraficamente sull’opportunità per tutti i docenti italiani di assicurarsi contro questo tipo di “infortuni”, come già fanno i docenti francesi. 


A parte che non è una grande consolazione sapere che anche in Francia l’istruzione pubblica è allo sbando, con l’invito ad assicurarsi arriviamo al vero scopo dell’attuale delegittimazione dell’istituzione scolastica pubblica, cioè trasformarla in una vacca da mungere, in un’occasione di business da parte di imprese private. Oggi la Scuola già versa il suo obolo non solo alle assicurazioni private, ma anche alle aziende private in nome della “alternanza Scuola-lavoro”, alle banche private in nome della “educazione finanziaria”, ad un’agenzia privata come l’Invalsi in nome della valutazione degli studenti, a multinazionali come la IBM per “formare” i Dirigenti, cioè per trasformarli in lobbisti, più o meno consapevoli dell’interesse privato. Il privato si pone come tutore di una Scuola pubblica appositamente delegittimata e, per questa tutela, ovviamente si fa pagare.
È stato trascurato anche un altro dato di fatto che avrebbe dovuto far scorgere l’entità di questa delegittimazione. Il noto episodio del docente aggredito a testate da uno studente col casco, è venuto alla luce solo perché gli stessi studenti hanno lanciato in rete dei video in cui illustravano e celebravano la propria impresa. Senza questa ingenuità da parte degli studenti, l’episodio si sarebbe consumato come tanti altri nei consueti rituali scolastici, cioè un’istruttoria del Dirigente Scolastico il quale avrebbe constatato che si trattava della parola di un unico docente contro quella di più studenti, che avrebbero buon gioco a far passare l’insegnante per pazzo. Per questo molti docenti non segnalano gli episodi di violenza che li colpiscono, in modo da non incorrere in ulteriori persecuzioni da parte del Dirigente.


Non è neppure da escludere che, persino in questo caso plateale, prima o poi si ricorra al solito mantra secondo cui è sempre il docente ad aggredire per primo, per cui le violenze studentesche diventerebbero una mera reazione. Quella del docente è una figura, per definizione e condizione, facilmente “calunniabile”. In un libro pubblicato nel 1890, “Il Romanzo di un Maestro”, lo scrittore e giornalista Edmondo De Amicis descriveva realisticamente la condizione della Scuola pubblica, in modo del tutto diverso dalla rappresentazione melensa ed oleografica dell’altro suo romanzo più noto, “Cuore”. De Amicis illustrava come i maestri fossero sistematicamente fatti bersaglio da parte di un’opinione pubblica ostile, appositamente montata e manovrata allo scopo di utilizzare la Scuola pubblica per scopi diversi da quelli istituzionali. De Amicis riferiva persino di casi di sfruttamento sessuale delle maestre, un fenomeno che la Legge 107/2015 ha rilanciato con lo strumento della chiamata diretta da parte dei Dirigenti.
Sino a venti anni fa se si chiedeva ad uno studente perché venisse a Scuola, spesso la risposta era: “Per sfottere gli insegnanti”. Oggi la risposta è cambiata e molti studenti dichiarano apertamente che il loro obbiettivo è quello di far licenziare qualche insegnante; in questo essi si trovano in oggettiva convergenza ed alleanza con Dirigenti Scolastici formati in corsi di management gestiti da multinazionali e con un’opinione pubblica che è stata nei decenni aizzata dai media contro la figura del docente.


Sul blog del solito Pietro Ichino un Dirigente afferma che la Scuola va in malora perché i Dirigenti non detengono gli strumenti normativi per licenziare i docenti fannulloni. Ecco il consueto rovesciamento propagandistico della realtà messo in campo dal lobbying del privato.
I docenti più colpiti dal mobbing dirigenziale sono infatti i più attaccati al loro lavoro e quelli che cercano di innalzare la qualità dell’istruzione, entrando ovviamente in conflitto con studenti e famiglie. Nella Scuola più si cerca di lavorare e più si rischia il peggio, perciò meno zelo nella didattica rende la vita molto più tranquilla. I Dirigenti rivendicano ancora altri poteri con il pretesto di colpire i fannulloni ma, in realtà, per mettere sulla graticola quei docenti che non si rassegnano a fare da accompagnatori per l’alternanza Scuola-lavoro o a fare da carne per il business dei corsi di formazione, ma vorrebbero semplicemente insegnare.
Purtroppo anche molti dei docenti rimasti più fedeli alla propria funzione si trovano comunque in stato confusionale, dato che hanno accolto acriticamente la nuova didattica per “competenze, senza coglierne l’operazione ideologica retrostante, funzionale ad asservire la Scuola alle imprese.



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 

Carriarmati francesi LECLERC MBT  testati negli attacchi contro gli Houthi in Yemen

trd di South Front
SA DEFENZA 

Il sito della Difesa, Lostarmour.info, ha pubblicato un'analisi che ha fornito uno sguardo sull'uso dei principali carri armati Leclerc nel conflitto Yemen. ( SOURCE



Post dedicato al terzo anniversario dell'intervento Saudita in Yemen...

Dall'inizio dell'intervento della coalizione saudita, dopo l'apparizione del contingente degli Emirati Arabi Uniti, molti hanno atteso informazioni sull'impiego del Leclerc AMX-56, il principale carro armato (MBT) nella guerra yemenita. Lost Armor pubblica un articolo su questo argomento.


Note storiche

I francesi erano insoddisfatti della modifica del AMX-30 il carro armato principale. Hanno deciso di sostituire questa modifica considerando il suo principale svantaggio: debolezza nell'autoprotezione. I francesi l'hanno creato nonostante l'ostinazione tedesca, migliorando ogni serie successiva. Infine, l'MBT è stato portato allo standard della versione finale. L'MBT è stato nominato in onore del generale francese Philippe Leclerc de Hauteclocque.

L'MBT Leclerc è stato considerato il più costoso carrarmato  del mondo all'inizio degli anni '90 e gli Sceichi degli Emirati Arabi Uniti che erano stati abituati a vivere nel lusso, concentrandosi sul "top del super moderno" e su un prezzo decente hanno deciso di investire sull'appaltatore francese. Hanno ricevuto 388 carri armati con la modifica per l'esportazione il Leclerc EAU, alcuni dei quali hanno ricevuto l'ulteriore protezione AZUR per i combattimenti in città e 46 veicoli blindati per il recupero (ARV) Leclerc DCL.

I carri armati della Leclerc stavano probabilmente accumulando polvere nei magazzini francesi e degli Emirati Arabi Uniti perché non erano popolari tra i clienti stranieri, occasionalmente deliziavano i proprietari durante le esercitazioni di addestramento, ma solo una volta all'anno durante pratiche mirate.

L'anno decisivo per il carro armato francese è stato il 2015 quando l'opposizione Zaidi-iraniana (secondo le monarchie della penisola araba) del movimento Ansar Allah (Houthis), sostenuta dagli alleati e dalla maggioranza dell'esercito, fedele allo Yemen deposto nel 2011 Il presidente Ali Abdullah Saleh Afash ha licenziato un altro dittatore locale Abdrabbuh Mansur Hadi che ha oltrepassato la misura. Hadi, una versione araba di Yanukovych, è salito al potere con le elezioni del 2012, ottenendo il 100% dei voti (!). Hadi era l'unico candidato per questo luogo! La democrazia araba è senza senso e senza pietà! Nel 2014 ha dovuto dimettersi, ma chi vuole rinunciare al potere? Così, Hadi decide di rimanere per un altro anno, ma la sua legittimità è stata infranta il 21 settembre 2014, quando gli Houthi hanno preso Sana'a, così è fuggito ad Aden, eppoi a Riyadh.

Le monarchie del Golfo Sunnite non tollerarono il fatto che il loro fantoccio avesse perso il potere e gli sciiti stavano per giungere al potere. Spinto dagli ideali di "democrazia e legittimità", il governo dell'Arabia Saudita ha deciso di spegnere l'incendio formando una coalizione e mandando la sua Air Force nello Yemen per attaccare "le parti ribelli" (comprese le infrastrutture civili) e organizzato una regolare unità di supporto dell'esercito con centinaia di diversi veicoli a protezione dalle imboscate dei resistenti (MRAP), veicoli blindati blindati obsoleti (APC) e veicoli da combattimento di fanteria (IFV) per i sostenitori di Hadi, e i meridionali della penisola araba e Al-Qaeda (AQAP) e poi, ha lanciato un'operazione via terra, in cui la forza maggiore è stata dimostrata dalla forza armata degli Emirati Arabi Uniti.


Capitolo 1 - Aden

È necessario riconoscere il comando delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti: il livello di segretezza di questo esercito del Medio Oriente è mantenuto al più alto livello. Non ci sono date precise dell'arrivo del contingente alla città portuale di Aden, ma il primo veicolo militare Oshkosh L-ATV (Veicolo tattico fuoristrada da combattimento leggero apparve tra i meridionali nella prima metà di luglio e i primi soldati degli Emirati Arabi Uniti morti tra il 16 e 21 luglio in Yemen, mentre l'MBT non è apparso che dopo il 25 luglio.




A quel punto, i pesanti combattimenti ad Aden si erano già interrotti, quindi nel migliore dei casi l'MBT poteva partecipare solo alle operazioni di rastrellamento in periferia, dove nessuno poteva seriamente resistergli. Subito dopo l'arrivo, la coalizione ha identificato l'obiettivo principale dell'operazione Golden Arrow, che consisteva nel catturare la base aerea militare strategicamente importante di, Al Anad, nel governatorato di Lahij, nello Yemen.




Capitolo 2 - Al Anad

Nei primi giorni di agosto, un gruppo di quattromila uomini delle Forze Armate degli Emirati Arabi Uniti arrivò ad Aden (l'area del terminal petrolifero) e si diresse verso la base militare di Al Anad, che era stata sotto assedio per due settimane.




È in quel momento che una colonna di dozzine di MBT Leclerc (70-80 carri armati hanno dichiarato di aver preso parte alla guerra), con protezione aggiuntiva da AZUR e BMP-3 viene proiettata sui canali TV internazionali. La guarnigione degli Houthi era piccola (un paio di dozzine), quindi la base militare di Al Anad  cade il 3 agosto. Le forze degli Emirati Arabi non avevano subito perdite.




Capitolo 3 - Abyan

Gli eventi dell'inizio di agosto possono essere considerati un crollo delle difese di Houthi nel sud del paese. Dopo la caduta di Lahij, l'esercito degli Emirati Arabi Uniti e le subunità di opposizione del Sud hanno iniziato la graduale liberazione di Abyan, tra cui Zinjibar, Loudar, Shoukra e il 15° base della brigata. L'intero governatorato era stato catturato entro l'11 agosto.

I BMP-3 furono i principali partecipanti alla parata delle truppe delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, una delle quali era stata fatta saltare in aria da una mina mentre guidava sulla rotta Aden-Abyan, l'equipaggio composto da tre membri degli EAU morì. Erano le uniche vittime degli EAU ad Abyan.




Nella seconda metà di agosto, le forze di opposizione del Sud hanno cercato di prendere Mukeiras, il governatorato di Bayda, ma sono caduti in un'imboscata nelle montagne di Loudar e hanno subito gravi perdite dei carri e altro. L'esercito EAU è stato costretto e ha partecipato a questa battaglia.

Capitolo 4 - Marib

Ispirato al successo dei progressi nel sud dello Yemen, la coalizione saudita ha preparato un blitzkrieg per attaccare ed entrare a Sana'a nel più breve tempo possibile attraverso le montagne del Marib e e installare al potere il burattino fuggiasco. Per fare ciò, alla fine di agosto presso la base aerea di Safir, ad est della città di Marib, sono arrivati  aerei e automezzi blindati dagli Emirati Arabi, gli eserciti del Regno Saudita e del Bahrain, nonché l'eroe della nostra storia.




Mentre l'operazione stava per iniziare, il primo e più grave colpo agli interventisti fu l'attacco della base con un missile balistico tattico Tochka con testa a frammentazione ad alto esplosivo, lanciato dal territorio del Governatorato di Shabwah. L'esplosione ha ucciso 56 militari degli emirati, 10 sauditi e 5 soldati del Bahrein e un numero sconosciuto di sostenitori di Hadi. Oltre ai magazzini, ai veicoli corazzati e alle caserme, anche un carro armato Leclerc e un BRAM DCL sono stati distrutti caduti sotto il tiro di fuoco, e hanno subito gravi danni, ma la qualità e la durata delle riprese non hanno permesso di distinguere le attrezzature distrutte in altre località.




Infuriati per le pesanti perdite, il 13 settembre 2015 la coalizione e l'esercito degli Hadi hanno lanciato l'operazione Vendetta di Marib, il cui obiettivo principale era la cattura della diga di Marib e le montagne circostanti del territorio di Sirvah. La principale forza di battaglia era il veicolo Oshkosh L-ATV, ma i militari degli Emirati "credevano in se stessi" e lanciarono nella battaglia con almeno una dozzina di MBT Leclerc, armati della protezione aggiuntiva. Quello che è successo dopo può essere descritto dalla definizione di "tiro con ostacoli" (in questo caso, l'obiettivo era la tecnica degli Emirati e dei sostenitori degli Hadi, e gli ostacoli erano le mine anticarro disseminate dagli Houthi).




Come già accennato, i media mainstream hanno coperto male la partecipazione degli EAU, ma ad alcuni militanti locali è piaciuto pubblicare foto su Facebook e qualcosa lo possiamo vedere. 
Ad esempio, un articolo pubblicato da un quotidiano francese ha riportato che un MBT Leclerc è stato "colpito da un missile guidato anticarro (ATGM), molto probabilmente un 9M113 o la sua copia iraniana, nella sezione anteriore del carro, uccidendo il meccanico mentre il comandante è rimasto ferito alle gambe. " Il nome del defunto è Ghalib Amar Al-Marri (nella foto, ucciso il 13 settembre) e un altro soldato è morto il giorno successivo, forse nello stesso posto. L'MBT distrutto non è stato catturato dall'obiettivo della fotocamera, tuttavia, se così fosse, non abbiamo ancora trovato i fotogrammi, ma sono stati presi da un'altra Lince MBT, che era stata fatta esplodere da una mina anticarro e poco danneggiata.



È molto probabile che, dopo il 14-15 settembre, tutti i carri armati degli Emirati Arabi Uniti siano stati ritirati e disposti in retroguardia, come riportato da Sky News. I sostenitori di Hadi sono arrivati ​​presso la diga il 29 settembre, dopo aver perso dozzine di veicoli Oshkosh L-ATV, ma il film commemorativo con tutti i partecipanti della coalizione è stato preso (con le loro bandiere, ovviamente senza bandiere Yemenite).




Capitolo 5 - Attacchi terroristi ad Aden

Il 6 ottobre 2015 i kamikaze della filiale locale del Califfato hanno effettuato una serie di attacchi ad Aden. L'hotel Al-Qasr, ex residenza temporanea dell'élite politica del governo Hadi, e due centri di comando delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti sono stati attaccati.




La foto di un centro di comando è stata pubblicata su Internet, dove era stata localizzata una delle MBT Leclerc. Non è chiaro se l'MBT sia arrivato durante l'attacco o dopo. Quel giorno l'esercito degli Emirati Arabi ha perso quattro soldati.




Capitolo 6 - Combatti con AQAP

Nel giugno 2016, gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato il ritiro della parte principale del suo contingente dallo Yemen, ma non hanno abbandonato le operazioni antiterroristiche e nell'agosto 2016 diversi MBT  Leclerc hanno partecipato all'operazione di rastrellamento del governatorato di Abyan da Al-Qaeda. I media hanno riferito che i terroristi non potevano opporre alcuna resistenza seria.




Tornando indietro nel tempo,  a febbraio, nella zona di Kirsh, il governatorato di Lahidj,  era stato notato almeno un MBT Leclerc, in uno dei fronti di confronto tra i meridionali e gli Houthi.




Capitolo 7 - Al Mokha

Comprendendo che il blocco navale dello Yemen non funziona così bene, come prima avevano creduto, e dalle montagne continuavano ad arrivare armi e missili balistici per gli Houthi, la coalizione (principalmente gli Emirati Arabi Uniti) ha deciso di tagliare definitivamente la parte settentrionale dello Yemen dal mare. All'inizio di gennaio fu lanciata l'Operazione Golden Spear il cui scopo era quello di catturare tutti i punti abitati nella costa occidentale dello Yemen, da Zubab a Taiz a Midi nell'Hajj, storicamente chiamato Tihamah.

Inizialmente, quattro MBT Leclerc EAU e un ARV hanno preso parte a questa operazione, spostandosi con una delle colonne di retroguardia. Non arrivando in tempo per le battaglie nel piccolo villaggio di Zubab, ma il 21 gennaio i carri armati delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti si trovavano già vicino al porto di Al Mokha, dove due principali carri armati # 303 e # 302 si stavano esibendo davanti alle telecamere dei giornalisti arabi.




Due giorni dopo, gli MBT erano coinvolti nella battaglia, dove uno (il numero 302 della plancia) è stato danneggiato dall'incendio ATGM, molto probabilmente nella placca glaciale inferiore. Nella foto, uno dei meridionali è in possesso di una scorta,  sotto il carro armato vi e una pozza di petrolio, presumibilmente carburante diesel fuoriuscito dal serbatoio da dietro l'armatura anteriore. L'equipaggio è stato molto fortunato, poiché il missile non è entrato nella parte anteriore del serbatoio. Inoltre, si è girato nel momento dell'attacco.



Pochi giorni dopo, nei sobborghi di Mochi, i sudisti hanno ottenuto un trofeo anti-carro Metis-M 9K115-2 come trofeo, che molto probabilmente ha messo fuori combattimento il carro armato degli Emirati.



Ad agosto 2017, il gruppo di truppe sulla costa occidentale è  continuata ad aumentare e sono arrivati ​​alcuni MBT Leclerc.

Capitolo 8 - Al Hudaydah

Dopo la morte di Saleh nella breve guerra intestina con gli Houthi a Sana'a, gli Emirati e i meridionali hanno continuato a spostarsi lungo la costa occidentale dello Yemen come parte dell'operazione Golden Spear e hanno catturato Al Khukha e Hais.

Nel dicembre 2017, sulla strada tra Mokha e Khukha, sono stati notati convogli delle truppe degli Emirati Arabi Uniti. Questi convogli erano costituiti da Leclerc MBT AMX-56, obici semoventi  autoprotetti G6 Rhino, obice semovente americano M109, muta multifunzionale resistente all'ambasciata, veicolo di mobilità della fanteria RG-31 Agrab, corazzata da trasporto per il personale (AMV) ) Patriot, piattaforma multi-funzionale per veicoli WiSENT 2, Oshkosh M-ATV e veicolo blindato BAE Caiman.

Tenendo conto dell'esperienza nell'utilizzo degli MBT a Mokha, sono stati utilizzati solo carri armati con protezioni extra, alcuni sono stati blindati con il sistema difensivo CLARA ERA, prodotto dalla società tedesca Dynamit Nobel Defense (DND). Nel 2016, più di 200 unità, ciascuna del valore di oltre 500 mila euro, sono state fornite agli EAU.




Sono stati usati anche i carri armati con AZUR.



Passato dicembre, non è stata data più alcuna informazione ufficiale sull'occupazione del MBT Leclerc ad Al Hudaydah, tuttavia, il 19 febbraio, gli Houthi hanno pubblicato un video con una presunta LtTerc LMBC mentre il  profilo non assomiglia ad alcun altro tipo di veicolo corazzato usato nel conflitto. La posizione dell'immagine è a nord del villaggio di Yakhtul, che è a metà strada tra Al Mokha e Al Chukhai, dove presumibilmente si trovano le forze armate degli Emirati Arabi Uniti.




http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/carriarmati-francesi-leclerc-mbt.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 

venerdì 18 maggio 2018

Vicepresidente della BCE Vitor Constâncio riconosce che il programma di austerità per la Grecia è stato troppo duro...

Keep Talking Greece
Sa Defenza 

Bontà sua , il vice di Draghi riconosce il fatto di aver distrutto una nazione e un popolo come la Grecia , poi come nulla fosse dopo anni fanno auting , ma ovviamente senza però porre rimedio al danno imposto allo Stato Greco. 
Certo è che una serie inconcludente delle politiche di Tsipras ha favorito e si è trasformato in complice della Germania e la troika nella disintegrazione della Grecia,  per questo dovranno rispondere al tribunale della storia, ma è da sapere certo che il governo greco avrebbe uscire da questo impasse  e avrebbero  potuto farsi aiutare da stati fuori da questa idea liberista della UE tanto malefica per i popoli , quando Putin ha offerto loro una mano solidale da una nazione come la Russia.
Sa Defenza






Keep Talking Greece legge  l'intervista al Financial Times del vicepresidente della BCE, Vitor Constâncio, dove ammette  che il programma economico di rientro dal debito imposto alla Grecia è stato “effettivamente troppo duro”. 




I paesi membri del Sud dell’eurozona hanno fatto a sufficienza per riformare le loro economie e ridurre i rischi nei loro sistemi finanziari, e ora l’intero blocco di paesi dovrebbe accelerare il percorso verso l’unione bancaria. Così ha dichiarato il vicepresidente della Banca Centrale Europea, in quella che è una implicita critica verso la riluttante Germania.

In una intervista per il Financial Times, Vítor Constâncio ha commentato così il programma di austerità che è stato imposto alla Grecia:

Il programma di aggiustamento [per la Grecia] è stato effettivamente troppo duro (…) e non ha previsto che ci sarebbe stato il crollo totale delle speranze e delle aspettative
Ha aggiunto che “tutti i paesi dell’area euro stavano consolidando i conti pubblici nello stesso momento, riducendo i loro deficit. Questa è stata la causa del doppio crollo che abbiamo visto nel 2012 e nel 2013, e che non avrebbe dovuto avvenire“.
Constâncio si accinge a lasciare la BCE questa estate, e come tutti i grandi uomini che lasciano il proprio incarico, ha osato ammettere in una qualche piccola misura che il programma di aggiustamento ha rovinato la vita e la dignità delle persone in Grecia.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 


Breaking News: a Santa Fe, Texas, sparatoria alla scuola superiore; almeno 10 i morti 


Yahoo 
Sa Defenza 




Un uomo abbraccia una donna fuori della Palestra di Alamo dove i genitori aspettano di riunirsi con i loro figli dopo una sparatoria alla Santa Fe High School di Santa Fe, in Texas, venerdì 18 maggio 2018. (Foto: Michael Ciaglo / Houston Chronicle via AP)





Molteplici persone sono state uccise venerdì 18 Maggio '18 in una sparatoria avvenuta in una scuola superiore di Santa Fe, nel Texas,  afferma una fonte delle forze dell'ordine , nell'ultima violenza armata in un paese ancora scosso dal massacro in una scuola superiore della Florida a febbraio.

La fonte delle forze dell'ordine ha detto che il sospetto tiratore è stato arrestato ed  è sotto custodia dopo l'attacco alla scuola a circa 30 miglia (48 km) a sud-est di Houston. I media locali hanno riportato che almeno otto persone sono state uccise, ma in realtà sono dieci.

L'ufficio dello sceriffo per la vicina contea di Harris ha detto che i suoi vice assistono " più vittime dell'incidente".

"Questa non è più una situazione di tiro attiva e gli infortunati vengono trattati", ha detto il dipartimento dello sceriffo su Twitter.
(Reuters)

Si spara di nuovo in un'altra scuola , questa volta alla Santa Fe High School vicino a Houston, in Texas. Si dice che il tiratore sia già sotto custodia, e le prime notizie indicano che sono state uccise una decina  persone.

http://sadefenza.blogspot.com/2018/05/break-news-santa-fe-texas-sparatoria.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 


giovedì 17 maggio 2018

Il Senato degli Stati Uniti conferma Haspel ,  prima donna come direttore della CIA


Reuters
Sa Defenza 






FILE - In questa foto del 9 maggio 2018, la candidata alla CIA Gina Haspel testimonia durante l'udienza di conferma al Committee Intelligence del Senato a Capitol Hill a Washington. (AP Photo / Alex Brandon, File)

WASHINGTON, 17 maggio (Reuters) -
Il senato degli Stati Uniti ha confermato Gina Haspel ,giovedì 17 Maggio,  come direttore della CIA, ponendo fine a una feroce battaglia di conferma incentrata sui suoi legami con l'uso passato del waterboarding  e altre brutali tecniche di interrogatorio.  Vedi articolo  "Un torturatore diventerà direttore della CIA?"

Haspel, che sarà la prima donna direttore della CIA, è veterana da 33 anni presso l'agenzia dove attualmente lavora come regista. Mentre i senatori continuavano a votare, era di 51-43 a favore della sua nomina nella camera dei 100 membri, dove per la conferma era richiesta la maggioranza semplice.

Haspel è stata approvata nonostante la rigida opposizione sui suoi legami con l'uso, da parte della CIA, di metodi di interrogatorio severi, tra cui il waterboarding, un tipo di affogamento simulato e ampiamente considerato tortura, negli anni successivi agli attacchi dell'11 settembre.

Ufficiale sotto copertura per la maggior parte della sua carriera nella CIA, Haspel nel 2002 è stato capo della stazione della CIA in Tailandia, dove l'agenzia ha condotto interrogatori in una prigione segreta usando metodi che includevano il waterboarding. Tre anni dopo, ha redatto un cavo che ordina la distruzione delle videocassette di quegli interrogatori.

Il senatore repubblicano John McCain, che è stato lontano da Washington tutto l'anno mentre combatte il cancro al cervello, ha esortato il Senato a non votare per Haspel.

Torturato mentre era prigioniero di guerra in Vietnam, McCain ha detto che approvare Haspel avrebbe mandato il messaggio sbagliato, e il paese dovrebbe usare solo i metodi per mantenersi al sicuro "come è giusto, come i valori che aspiriamo di vivere e promuovere nel mondo ".

Haspel aveva anche un forte sostegno da parte dell'amministrazione  del presidente repubblicano Donald Trump, di molti attuali ed ex funzionari dell'intelligence e una vasta gamma di legislatori, tra cui i democratici.

Dice, il senatore Mark Warner, senior democratico del comitato di intelligence, che ha supervisionato la nomina, e sostenuto Haspel.

"Credo che lei è la persona che può e vuole  schierarsi con il presidente, ma che dirà la verità al potere se questo presidente le ordina di fare qualcosa di illegale o immorale, come il ritorno alla tortura", ha detto in un discorso al Senato prima del voto . (Segnalazione di Patricia Zengerle; )

http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/il-senato-degli-stati-uniti-conferma.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 



Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!