mercoledì 24 maggio 2017

Shockante studio sui vaccini  rileva che gli adolescenti vengono sovradosati con iniezioni multiple di HPV che non servono affatto alla prevenzione dei condilomi ai genitali

Vicki Batts 







Una nuova ricerca ha dimostrato che dare tre dosi di vaccino HPV è sostanzialmente inutile e non fornisce alcun beneficio ai pazienti. E' la prima prova pubblicata che supporta l'ultima raccomandazione della CDC che due dosi di vaccino sono più che sufficienti per la protezione contro condilomi ai genitali per i bambini di età compresa tra 11 e 12 anni.

E' importante notare che la serie di tre dosi di Gardasil  è divenuta disponibile nel 2006 - più di dieci anni fa. Cervarix è entrato nel mercato nel 2009. Almeno 32.000 famiglie hanno riportato eventi avversi a seguito della somministrazione di un vaccino HPV, e almeno 144 morti sono documentati. Molti di questi eventi si verificano dopo la seconda o terza dose del vaccino. E ora, dopo più di un decennio è passato, i ricercatori hanno da dire “Ops, ci siamo sbagliati, tre sono troppi.” Ci sono voluti loro dieci anni per capirlo, o è la prova che il danno sta crescendo a dismisura?

Rebecca Perkins, MD, un ostetrico presso la Boston Medical Center e autricw principale dello studio ha commentato:Il CDC e ,la OMS basano il nuovo programma di due dosi principalmente sui risultati di immunogenicità, ma c'era una minima ricerca su quanto efficace fosse tale raccomandazione. Questo studio convalida le nuove raccomandazioni e ci permette di muoverci con fiducia in avanti con il programma di 2 dosi per la prevenzione dei condilomi genitali.” Tuttavia, i produttori raccomandano ancora il programma di 3 dosi per alcuni bambini sotto i 15 anni. Inoltre, questa recente scoperta solleva questioni circa le raccomandazioni vaccinali per le persone di 15 anni, che sono ancora sotto la categoria raccomandazione di 3 dosi.

Come forse sapete, il vaccino contro l'HPV è anche pubblicizzato come in grado di prevenire il cancro causato da alcuni ceppi del HPV. Nonostante la grande spinta per questi vaccini, non v'è ragione di credere che essi siano una “protezione”, come invece viene proclamato .

Come spiega Celeste McGovern dei bambini Children’s Medical Safety Research Institute  (CMSRI), gli studi clinici della casa farmaceutica Merck per il loro vaccino contro l'HPV, Gardasil, sono diurati solo tre anni. Tuttavia,il tumore al collo dell'utero si può presentare dopo 20 o 40 anni  a seguito della infezione da HPV.  Il “lungo termine” delle prestazioni di questo vaccino sono innegabilmente chiare - e nella migliore delle ipotesi, sono un'esagerazione. Nel peggiore dei casi, i benefici percepita della cosiddetta “prevenzione del cancro” è una grossolana esagerazione.

Secondo il Dr. Diane Harper, che ha condotto studi clinici sul vaccino HPV, spiega che affinché il vaccino sia efficace nel prevenire il cancro, ha bisogno di tenere la sua efficacia per almeno 15 anni dopo la somministrazione. Tuttavia, Gardasil della Merck è stimata come “efficace” contro l'HPV per un misero 4,5 anni. Iniettare Cervarix della GlaxoSmithKline non se la passa molto meglio, e dovrebbe durare  appena 8,4 anni. In altre parole, il vaccino non soddisfa il requisito di 15 anni per la prevenzione del cancro vero e proprio.

McGovern spiega ancora, “Solo 8 persone su 100.000 sviluppano il cancro del collo dell'utero ogni anno negli Stati Uniti grazie allo screening per il cancro del collo dell'utero. Eppure i modelli di simulazione che operano sotto ipotesi di copertura vaccinale 100% e la durata dell'immunità prevede che il tasso di incidenza sarebbe 9,5 casi su 100.000 in assenza dello screening con Cervarix e 14 su 100.000 con Gardasil. Quindi, anche in questi scenari nel migliore dei casi, la vaccinazione probabilmente non sarebbe più efficace della proiezione di prevenzione del cancro cervicale [enfasi aggiunta].

In altre parole,in realtà questi vaccini non prevengono il cancro nella vita reale - nonostante la schiacciante esagerazione dei loro benefici. C'è una quantità estrema di eccesso di fiducia nel successo di vaccini HPV, quando ci sono poche prove a disposizione per dimostrare i loro presunti benefici. Uno studio clinico di tre anni per una malattia che avrebbe preso un tempo minimo di 20 anni per manifestarsi è a dir poco carente, e non ci vuole un esperto per capire il perché. Come può un reclamTo vaccino  proteggere contro qualcosa che  è in realtà  NON è stato completamente testato? E, in sostanza, non stanno forse testando questi vaccini su coloro che li ricevono?

fonti:

ScienceDaily.com

AgeOfAutism.com

CDC.gov

CMSRI.org

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/shockante-studio-sui-vaccini-rileva-che.html



martedì 23 maggio 2017

CIRCA 100 CAMION CARICHI DI ARMI PER LE FORZE CURDE SONO ARRIVATI ​​IN SIRIA - affermano MEDIA TURCHI

southfront.org
Sa Defenza






Fonte: aa.com.tr

Gli Stati Uniti hanno rifornito di armi e attrezzature belliche le forze curde che operano in Siria. Protezione Unità Popolare (YPG, un ala militare del curdo Democratic Union Party) e la sua versione femminile - unità di protezione delle donne (YPJ) sono il nucleo delle forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti (SDF).

Circa 100 camion con armi ed equipaggiamenti per le milizie curde sono arrivati in Siria dall'Iraq tra il 15 maggio e il 20 maggio, in base alle informazioni dell'agenzia turca Anadolu Agency . La colonna come riferito ha raggiunto l'area di Al-Hasakah e si è trasferita nella campagna a nord della città di Raqqah  tenuta in ostaggio da ISIS .

Secondo il rapporto, le milizie curde hanno ricevuto BGM-71 TOW e missili Milan, mortai da 80mm e 120mm, rifornito di lanciagranate automatici MK19 nonché veicoli Humwee e Cougar e droni.

L'agenzia ha inoltre sostenuto che gli Stati Uniti hanno fornito FGM-148 missili Javelin alle forze curde.


lunedì 22 maggio 2017

BENJAMIN FULFORD: La vecchia guardia si rifiuta di consegnare il sistema finanziario da sostituire

Benjamin Fulford 
22 maggio 2017
Sa Defenza



La vecchia guardia che ha dirottato il sistema finanziario mondiale si ostina e rifiuta di cedere il controllo sul processo di creazione di dollari, euro e yen per la gente del pianeta terra. Questo è stato evidente quando l'avvocato dei Rothschild e agente del Mossad Michael Greenberg (nella foto a dx) ha visitato l'imperatore giapponese la scorsa settimana per chiedere fondi illimitati per lui e i suoi compagni i gangster khazari, secondo fonti vicine all'Imperatore. Greenberg ha pure affermato di rappresentare Henry Kissinger, che è ora di nuovo, insieme a Greenberg, sulla lista degli obiettivi ad alta priorità dei noti criminali per genocidio.

L'Imperatore era furioso con Greenberg e i suoi servi, il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il ministro delle Finanze Taro Aso sono incolpati, di bloccare il rilascio di fondi destinati alla popolazione del pianeta, hanno aggiunto le fonti.

Ciò significa che, al fine di avviare una nuova era e liberare il pianeta, sarà necessario un attacco a due punte. Uno sarà quello di continuare ad eliminare la vecchia guardia i leader del genocidio uno per uno fino a quando la mafia Khazariana non si arrende. L'altro sarà quello di continuare a costruire un sistema finanziario alternativo, sulla base dell'oro, cripto-valute e valute non khazariane,  finché il vecchio sistema emerso non sia gettato nella pattumiera della storia. Questo attacco su due punte è già in pieno svolgimento.

Il grosso punto interrogativo ora, però, è cosa fare di Papa Francesco. La ricerca in campo criminologico ha dimostrato che la maggior parte dei cosiddetti leader mondiali che vediamo sui nostri schermi televisivi e in pubblico sono controllati dalla Loggia Massone P2 tramite la Banca Vaticana e una rete di assassini professionisti. In altre parole, ai leader mondiali, quando le viene offerta una scelta tra l'argento (una tangente) e il piombo (un proiettile), hanno scelto l'argento della Banca Vaticana.

Papa Francesco, che ha in segreto il potere incredibile a sua disposizione, ha, da un lato, epurato il Vaticano dai pedofili e dice di fare cose belle, ma, d'altra parte, non è riuscito a cambiare il sistema a un livello fondamentale per fare cose come la dichiarazione di un vero e proprio giubileo (la cancellazione di tutti i debiti, ecc).

Il che ci porta ad affrontare finalmente alcune informazioni che abbiamo avuto da molto tempo, ma non sapevamo cosa farne, e questo è il fatto ovvero che Francesco ha apertamente detto che il suo Dio è Lucifero.

Isaia 14,12-15
12 Come mai sei caduto dal cielo,
Lucifero, figlio dell'aurora?
Come mai sei stato steso a terra,
signore di popoli?
13 Eppure tu pensavi:
Salirò in cielo,
sulle stelle di Dio
innalzerò il trono,
dimorerò sul monte dell'assemblea,
nelle parti più remote del settentrione.
14 Salirò sulle regioni superiori delle nubi,
mi farò uguale all'Altissimo.
15 E invece sei stato precipitato negli inferi,
nelle profondità dell'abisso!



https://newsgru.com/lucifer-is-god-declared-by-pope-francis/

Qual è il ruolo dei Luciferiani come Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il capo nominale del complesso industriale militare occidentale, svolge il suo tour dei primi posti sacri ai  monoteisti, Arabia (avviso non gli fu permessa la Mecca), Gerusalemme e Roma? La domanda è,  Trump è in un viaggio per cercare di salvare il vecchio regime (di Lucifero?) O sta puntando a qualcosa di più storico, come l'avvio dell'alba di un periodo d'oro?

Fonti del Pentagono dicono che mentre Trump era in Arabia Saudita, lo scorso fine settimana, oltre a fare un affare da $ 350 miliardi dollari, ha chiesto il piacera ai sauditi di continuare a vendere il loro petrolio in dollari in modo da impedire il crollo del governo USA Corporate  e il suo sistema di petrodollari. Tuttavia, il “viaggio saudita di Trump potrebbe non impedire di vendere petrolio in Yuan e non in dollari a est,” dicono fonti del Pentagono .

Trump ha fatto schifo, perfino ai leader musulmani, in un discorso in cui ha promesso:
“Gli Stati Uniti sono ansiosi di formare legami più stretti di amicizia, sicurezza, cultura e commercio,” inoltre “Non siamo qui per tenere una conferenza- ne siamo qui per dire agli altri come vivere, cosa fare, il modo d'essere, o cosa adorare. Noi siamo qui, invece, per offrire un partenariato “.
Purtroppo per gli Stati Uniti, con la nuova umiltà, promettono di avere un buon approccio, ma, deve essere sembrato come un violentatore nazionale a lungo termine che si mostra con fiori e promette di non far male come loro nuovo partner.

video della visita di Trump con traduzione in italiano grazie a Pandora TV
La danza intorno al fuoco per evitare l'impeachment.
Donald Trump affronta il suo primo viaggio all'estero. Nella prima tappa a Riyad ha firmato un accordo per la vendita di 110 miliardi di dollari in armamenti e accusato l'Iran di sponsorizzare il terrorismo. Poi è voltato in Israele, dove ha visitato il Muro del Pianto a Gerusalemme est.


Le minacce di Trump all'Iran e le accuse infondate contro la Siria del suo discorso hanno contribuito solo a sottolineare il fatto che, nonostante la retorica, il governo degli Stati Uniti Corporate è ben al di là di ogni speranza dal poter essere riformato. La sua incapacità di ricordare che ISIS è stata una creazione della mafia Khazariana è un altro segno che il suo discorso era tutt'altro che sincero.

Tuttavia, i cappelli bianchi all'interno degli Stati Uniti pongono attenzione sul caso. Ad esempio la legge del genero, di Trump, Jared Kushner (che crede che i non ebrei dovrebbero essere schiavi ) è “sotto indagine dei russi ed FBI e può estendersi alle sue tangenti illegali per l'affare sulle armi da 110 miliardi di dollari vendute ai sauditi [e annunciato da Trump], in qualità di agenti non registrati di Israele, i quali gli forniscono armi nucleari per minacciare l'Iran “, dicono fonti del Pentagono.

Inoltre, “ lo speciale consigliere ex direttore dell'FBI Robert Mueller può essere licenziato o costretto a indagare sui fatti 911, in quanto è stato coinvolto nella loro copertura , è stato insediato all'FBI con quello scopo da [l'ex presidente George W.] Bush una settimana prima dei fatti 911.”

l'unità 8200 di cyber comando israeliano  potrebbe aver progettato i computer portatili per dirottare aerei di linea e creare incidenti, che, porta a una maggiore cooperazione tra USA e Russia, mentre [US Generale maggiore
Inoltre, “
Joseph] Dunford ha incontrato i capi militari della NATO .”

Inoltre, all'interno degli Stati Uniti, nell'FBI è in corso un importante epurazione di massa dei compari del ex direttore James Comey, Hillary Clinton e Barack Obama, dicono fonti del Pentagono. Come parte di questo tutti i file e i nastri dell'ufficio di Comey sono stati sequestrati, dicono.

Inoltre, James Comey nonché ex soci stretti di Clinton come Anthony Weiner e Huma Abedin stanno negoziando per trasformare gli stati di prove contro Hillary e contro la rete di pedofili a Washington DC, dicono. A sua volta, Clinton dovrebbe rintracciare i suoi capi che possono finalmente abbattere lo "stato profondo", [la mafia Khazariana] le fonti dicono.

Le nostre indagini a lungo termine hanno dimostrato che la pista si conclude a Roma alla Loggia P2 , nonché alla  BRI (banca dei regolamenti internazionali) e le antiche famiglie della linea di sangue che controllano queste istituzioni.

Questo ci riporta al reo confesso adoratore di Lucifero Papa Francesco. Egli è solo una bella figura di spicco assunto a leader per mano dei satanisti? Sono le fedi monoteistiche e le antiche linee di sangue che si sono segretamente controllate per millenni  a raggiungere  un accordo con il resto del mondo?
Finora, in modo realmente misterioso, il fulmine ha colpito il Vaticano e La Mecca. È qualcosa, in ritardo, che deve colpire Gerusalemme?

In ogni caso, la visita di Trump in Arabia Saudita, Israele e Roma o sarà un  sforzo di marketing all'ultimo minuto del vecchio regime che cerca di sopravvivere o vorrà dire vera riforma fondamentale nel mondo monoteista. Sarà la vecchia linea di sangue, delle famiglie di adoratori di Satana finalmente uscite, a dire la verità e chiedere perdono al mondo? Potremmo saperne di più entro alla fine del mese, ma non trattenete il respiro.

La mafia Khazariana sta ancora fomentando problemi in Ucraina, in Medio Oriente e altrove, anche se è vero che è su una scala molto più piccola rispetto a prima. L'ultimo problema è stato in Indonesia, dove mafiosi pagati stanno cercando di fomentare disordini religiosi, secondo fonti White Dragon Society  indonesiane. Il sentiero finanziario dietro i rivoltosi pagati porta alla miniera controllata dai Khazariani di Freeport McMoRan ed è chiaro che le rivolte in scena sono solo un tentativo per rubare l'oro, dicono le fonti.

Ecco una relazione della fonte Indonesia del WDS della situazione sul terreno:
“L'ultimo aggiornamento è che gli islamisti radicali del FPI, 'che sono finanziati dall'organizzazione di Soros ed i suoi affiliati,' come mi è stato detto dai miei contatti di intel locali, girano su più di 2 autobus appartenenti ai Dayak con i passeggeri, ed erano parcheggiati sul lato della strada principale nella città di Pontianak ... Questa è un'operazione Khazariana della cabala sionista ... per dividere il popolo indonesiano, poi intervenire e prendere in consegna la situazione ... sono stato anche informato che 'ci sono numerosi occidentali di pelle bianca, con gli occhiali da sole scuri, che si sono mescolati ai Dayak, mentre riprendono foto e video '.

In ogni caso, come dice il vecchio adagio arabo, “i cani abbaiano ma la carovana passa”, e gli inevitabili cambiamenti planetari stanno continuando a svilupparsi indipendentemente da ciò che fanno i Khazariani o la guida della cabala monoteista.

La leadership militare afferma, che, il controllo di Russia, Stati Uniti e Cina hanno più o meno capito che cosa accadrà in Medio Oriente, Corea del Nord e l'Ucraina. Essi continueranno a fare in modo che qualsiasi o tutti i tentativo dei fanatici religiosi khazari per avviare la 3° guerra mondiale e Armageddon falliranno.

Così ora, nel mondo reale, il futuro delle relazioni India / Cina dovrebbero essere la prossima grande questione geopolitica che dovrà essere affrontata. India, infine, ha sollevato la mano geopolitica recentemente boicottando la Cina nella bretella One Road bash all'inizio di questo mese. Apparentemente questo è perché OBOR richiede un grande asse di trasporto attraverso il territorio dell'India in controversia con il suo vicino e rivale Pakistan. In pratica, però, l'India si sente gelosa e trascurata, mentre la Cina si crogiola sotto i riflettori della geopolitica.

Il fatto è che l'India sarà sicuramente  la prossima grande super-potenza e può un giorno rivaleggiare e anche superare la Cina. Date un'occhiata alle mappe e ai grafici nei seguenti link per capire perché:

http://www.zerohedge.com/news/2017-05-19/mapping-worlds-population

http://www.prb.org/images12/china-india-population.gif


La prima mostra che in termini di popolazione, la Cina con 1,4 miliardi di persone è strettamente seguita da India con 1,3 miliardi. Ancora più importante, come il secondo grafico mostra, il 41% della popolazione indiana è sotto i 20 anni e in rapida crescita, mentre la popolazione cinese sta invecchiando rapidamente e si dirige verso la decrescita. L'India sta anche sperimentando una rapida crescita economica che significa il suo peso economico sarà presto accoppiato al suo peso demografico. La fase successiva sarà l'Africa, che ha una popolazione in rapida crescita di 1,2 miliardi di persone.

Che cosa significa tutto questo, che, mentre l'Asia orientale e l'Occidente stanno negoziando una nuova architettura globale, dovranno essere ospitati in modo equo anche le potenze emergenti dell'Africa e dell'India, se vogliamo evitare problemi futuri.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/benjamin-fulford-la-vecchia-guardia-si.html


domenica 21 maggio 2017

LA BATTAGLIA PER RAQQAH: PREMESSE, FORZE OPPOSTE, PREVISIONI

southfront.org
Sa Defenza 






La città di Raqqah è considerata una delle più importanti città siriane. La città si trova sulla riva nord-est del fiume Eufrate, ai margini del “Sharqiya la Siria”, un termine usato per descrivere la Siria orientale. La diga più grande della Siria, la diga di Tabqah si trova a 40 chilometri a ovest di Raqqah.

La diga è una delle più importanti fonti di energia elettrica e di acqua in Siria.
E' stata costruita per generare corrente idroelettrica, così come per irrigare le terre su entrambi i lati del fiume Eufrate. La città di Tabqah vicino l'aeroporto Militare Tabqah si trovano direttamente a sud della diga.

Raqqah è collegata con la capitale industriale siriana di Aleppo, la provincia ricca di petrolio di Deir Ezzor, e la zona fertile Hasakah attraverso l'Autostrada M4. Gli abitanti della città sono 220.000, secondo il censimento del 2004. La campagna di Raqqah ne ospita circa 100.000 persone.

L'importanza strategica della città, così come la vicina diga di Tabqah ha trasformato Raqqah in un bersaglio per ogni fazione coinvolta nella guerra e tutti loro hanno tentato di prenderne il controllo.

All'inizio della crisi siriana, Raqqah era una delle province più tranquille, in quanto non è testimone di proteste significative o violenza. Sporadiche proteste da parte di gruppi di opposizione non hanno superato un centinaio di manifestanti al loro massimo.

Così, Raqqah e la sua capitale è diventata una delle province più sicure accetta decine di rifugiati lealisti sfollati dalla Aleppo, Hasakah, e Deir Ezzor, dove feroci scontri, tra le forze filo-governative e militanti, hanno avuto luogo nel 2012.

Alla fine del 2012, Ahrar Al-Sham con il supporto di Jabhat al-Nusra (il ramo siriano di al-Qaeda, ora è conosciuto come Hayat Tahrir al-Sham) ha dichiarato la sua intenzione di catturare la capitale della provincia di Raqqah e ha lanciato una operazione militare. Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra hanno catturato l'Jirah Airbase e l'importante città di Maskanah nella provincia di Aleppo, entrando nella provincia di Raqqah. I militanti hanno preso Tabqah e all'aeroporto militare di Tabqah e catturato la città di Raqqah dopo 3 giorni di scontri il 6 marzo 2013.

L'esercito siriano non ha organizzato alcune difese reali per la città. Ciò ha portato a molta discussione sulla lealtà della dirigenza provinciale, che apparentemente ha svolto un ruolo fondamentale nella perdita di questa provincia strategica.

Inizialmente, le attività di ISIS all'interno della città sono state finalizzate a sostenere Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra nelle azioni contro le installazioni militari dell'esercito siriano assediati nelle sue vicinanze. Tuttavia, più tardi ISIS ha iniziato ad attivarsi in proprio al fine di riconquistare Raqqah da Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra. ISIS ha dichiarato il controllo su Raqqah nel gennaio 2014. La maggioranza dei Ahrar al-Sham e militanti Jabhat al-Nusra sono fuggiti, abbandonando l'intera città a ISIS. Coloro che sono rimasti di entrambi i gruppi hanno disertato a favore di ISIS o sono stati catturati.

Negli ultimi tre anni, ISIS stava rafforzando in modo sistematico la sua presenza e la sua influenza a Raqqah per quanto non corresse alcun pericolo reale da altre forze coinvolte nella guerra.

Nel 2016, dopo la prima liberazione di Palmyra, l'esercito siriano, sostenuto da Forze aerospaziali russe, ha lanciato un attacco in anticipo con l'obiettivo di riconquistare l'aeroporto militare di Tabqah  e anche la città di Raqqah da ISIS. Tuttavia, le forze governative non hanno raggiunto nemmeno il loro primo obiettivo e si sono ritirati dopo una serie di attacchi contro ISIS.


L'inizio dell'operazione militare russa in Siria nel 2015 ha cambiato radicalmente il corso della guerra e ha restituito un capacità di condurre operazioni di successo al governo di Assad. L'anticipato attacco del governo sul Aeroporto Militare Tabqah non ha portato a nessun guadagno. Ciò nonostante, è divenuto chiaro che se la coalizione guidata dagli Stati Uniti contro l'ISIS continua a ignorare il gruppo terroristico in Siria, il governo siriano e dei suoi alleati sono in grado di risolvere il problema da soli. [Solo per esempio, nello stesso anno, l'esercito siriano ha liberato la città di Aleppo da Jabhat al-Nusra e dei suoi alleati. Questa è stata una delle più grandi vittorie del governo in questa guerra.] Questo potrebbe diventare un grave fallimento diplomatico e pubblico per gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali.

Nel mese di ottobre 2015, il nuovo marchio delle forze sostenute dagli Stati Uniti è apparso nella guerra. L'istituzione delle Forze Democratiche Siriane (SDF) è stato dichiarato nel corso di una conferenza stampa a Hasakah, una città controllata dai curdi del Democratic Union Party (PYD) e dalla sua ala militare di People’s Protection Units (YPG). Mentre gli Stati Uniti e i media mainstream dicevano che, SDF era un'organizzazione multi-etnica, YPG e la YPJ, l'equivalente femminile del YPG, è divenuto il nucleo del gruppo. La comprensione di questo problema, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha contribuito con sforzi significativi nel 2016 e nei primi mesi del 2017 a costruire una fazione araba nel SDF. Tuttavia, le milizie curde sono rimaste il ​​nucleo preponderante e indiscusso di SDF.

Il 6 novembre 2016, SDF, potendo contare su forze di attacco aeree e speciali della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha lanciato l'Operazione Eufrate Wrath volto a cacciare ISIS dalla provincia di Raqqah.

Ora, la SDF include ufficialmente:
36.000 combattenti YPG
24.000 combattenti YPJ
20.000 combattenti tribali arabi compresi i gruppi come il Consiglio militare Manbij

Tra i 10.000 e 20.000 membri del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) presenti nell'area occupata da SDF nel nord della Siria e ufficiosamente partecipa alle operazioni militari in SDF. Rappresentanti ufficiali della PYDYPG hanno ripetutamente negato questo fatto perché potrebbe avere un impatto negativo nelle relazioni USA-turche. Un riconoscimento ufficiale di questo fatto creerà anche un pretesto per Ankara per lanciare un'operazione militare contro SDF. La Turchia e una serie di altre nazioni descrivono il PKK come gruppo terroristico. La leadership turca insiste sul fatto che il YPG è solo un ramo del PKK.

Tuttavia, questo non impedisce ad Ankara di condurre attacchi militari contro obiettivi YPG lungo il confine turco-siriano. Gli Stati Uniti sono stati spinti ad aumentare la loro attività militare lungo il confine e ad una linea di collegamento tra SDF e i militanti pro-turchi nella provincia di Aleppo per impedire una possibile operazione militare turca su larga scala contro lo SDF / YPG nel nord della Siria . Così, le truppe statunitensi hanno un ruolo di forza di interposizione tra la Turchia e l'SDF.


L'anticipo della campagna di SDF su Raqqah è in corso, in mezzo a un supporto di fuoco immenso da aerei da guerra della coalizione USA, con elicotteri d'attacco e artiglieria. Gli Stati Uniti hanno anche ampliato alcuni aeroporti all'interno della Siria. Sono utilizzati per la consegna di forniture d'armi per SDF e come basi avanzate degli elicotteri d'attacco degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti, la Germania e operazioni speciali delle forze francesi , svolgono un ruolo importante nel sostenere  SDF a terra. Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti fornisce un supporto di artiglieria alle operazioni di SDF intorno Raqqah.

Finora,  SDF è stato in grado di aggirare Raqqah dalle direzioni occidentali, orientali e settentrionali, di attraversare l'Eufrate e di catturare l'aeroporto militare di Tabqah, la città di Tabqah e impostare un punto d'appoggio per isolare la capitale dell'autoproclamato stato islamico di ISIS.

Da parte sua, ISIS ha iniziato a preparare la battaglia di Raqqah, ha dato l'annuncio  dell'operazione Raqqah della coalizione nel 2016.

Fin dall'inizio, è apparso chiaro che ISIS non aveva intenzione di difendere i numerosi villaggi nelle campagne Raqqah. A sua volta, ISIS ha implementato un approccio di difesa cellulare. unità ISIS stavano ritirando sotto la pressione del SDF e la coalizione guidata da piccoli villaggi e sono stati contro-attacco basandosi su fattori tecnici e veicolo di origine ordigni esplosivi (VBIED).

L'obiettivo, di questa strategia è stata (ed è) di fornire un massimo danno possibile alla manovalanza di SDF e alle attrezzature militari, invece, di tentare di difendere i piccoli insediamenti senza alcun valore strategico. Tabqah, l'aeroporto militare di Tabqah  e la diga di Tabqah sono gli unici luoghi che ISIS ha tentato di difendere la causa del loro valore strategico - e controllano questi siti, le forze appoggiate dagli USA avranno un punto d'appoggio sulla riva meridionale dell'Eufrate a ovest di Tabqah.

Dentro e intorno Raqqah, ISIS ha iniziato la creazione di una serie di fortificazioni intorno alla città dalla fine del 2016 costruendo un'alta banchina e una trincea che circonda la città nella sua interezza. Diverse fonti locali hanno inoltre riferito che il gruppo terroristico ha lavorato alla creazione di una serie intricata di gallerie, trincee, e barriere di cemento all'interno Raqqah.

Inoltre, fonti dell'opposizione hanno riferito che ISIS ha iniziato ad allacciare esplosivi e a impiantare ordigni esplosivi improvvisati nelle aree sensibili all'interno e intorno la città.

A cavallo del 2017 in seguito al successo delle forze appoggiate dagli USA nella campagna occidentale e orientale su Raqqah e il taglio della strada Raqqah-Deir Ezzor in aggiunta alla capacità di recupero del esercito siriano a Deir Ezzor, ISIS ha iniziato lo spostamento delle sue attrezzature e munizioni nelle parti più interne della città, così come ha stabilito linee di tiro e nidi di cecchini. Il gruppo terrorista ha trasferito i suoi combattenti più esperti nella città.

Secondo diverse fonti, a Raqqah, ISIS ha tra i 5.000 e 10.000 combattenti e la sua più efficace armamento comprende i TOW e missili Fagot contrabbandati da Idlib. ISIS è anche fornito di armi come gli RPG-29 e M-79 OSA per la Battaglia di Raqqah. Decine di carri armati e veicoli blindati sono stati dispiegati all'interno della città. Il gruppo è attivo nella produzione di vari tipi di VBIED utilizzando il proprio stoccaggio di esplosivi.

Una pianificazione militare, una di fanteria motivata e un uso sofisticato di VBIED sono i lati forti e fondamentali delle forze ISIS.

L'obiettivo attuale delle forze a guida USA è quello di prendere il controllo della campagna di Raqqah mettendo ulteriore pressione al gruppo terrorista dalla direzione settentrionale e occidentale. E' previsto che la coalizione guidata dagli Stati Uniti e dei suoi alleati sul terreno cercheranno di ripetere l'operazione come quella di Mosul. Tuttavia, c'è una differenza: le forze appoggiate dagli USA potrebbero lasciare una via di fuga ai membri di ISIS a sud di Raqqah. Questo potrebbe consentire di alleviare la resistenza dei membri di ISIS all'interno della città. Nel frattempo, se questo viene fatto, molti membri del gruppo terrorista saranno in grado di rimanere vivi e liberi di circolare in Siria. Alcuni di loro potrebbero poi trasferirsi in Europa come rifugiati.

La tempesta su Raqqah includerà una campagna di bombardamenti pesanti da parte dell'aviazione della coalizione guidata dagli Usa con aerei da guerra, elicotteri d'attacco e droni, così come con l'artiglieria dei Marine. Gli Stati Uniti espanderà la sua presenza militare in prima linea contro l'ISIS e nel distribuire più truppe ed equipaggiamento militare. Come già avvenuto a Mosul, Washington e i media mainstream probabilmente negheranno che le truppe degli Stati Uniti sono direttamente impegnate in una battaglia contro ISIS a Raqqah. Tuttavia, senza un attivo sostegno militare degli Stati Uniti, SDF non sarà in grado di riprendere Raqqah da ISIS in un tempo realistico.
ISIS utilizzerà anche l'esperienza di Mosul, utilizzando piccoli gruppi ben attrezzate di combattenti, distribuiti con un gran numero di cecchini in tutte le strade della città, e, naturalmente, l'uso pesante di attentatori VBIED e suicidi per attaccare qualsiasi raggruppamento di SDF, e la distribuzione di mine e IED in tutte le strade.

Uno dei maggiori problemi che  SDF dovrà affrontare è un numero elevato di civili in città. Secondo fonti locali, ci sono più di 250.000 persone, i rifugiati provenienti da Deir Ezzor e dal Iraq, oltre alle famiglie dei terroristi di ISIS a Raqqah.

In generale, la battaglia dovrebbe durare mesi, e purtroppo, come a Mosul, un gran numero di civili sarà ucciso a causa dei combattimenti e della campagna di bombardamenti della coalizione. I funzionari militari sostengono che le forze appoggiate dagli USA inizieranno l'assalto a Raqqah questa estate. Ciò nonostante, è complicato prevedere quando la città verrà riconquistata dai terroristi. Le forze irachene hanno lanciato la loro spinta finale verso la roccaforte ISIS di Mosul il 16 ottobre 2016 e la città non è stata ancora completamente liberata  finora.

Le tensioni tra il PYD / YPG e il governo turco è un altro fattore che influisce e rallenta l'avanzata SDF su Raqqah.

Nel frattempo, lo SDF a dominazione curda ha annunciato che la città liberata sarà inclusa nella Federazione della Siria-nord Rojava (mappa sotto), l'area YPG / SDF- occupata della Siria settentrionale.

Mappa della situazione militare in Siria aggiornata al 22 Maggio 2017
SITUAZIONE MILITARE IN SIRIA IN DATA 22 MAGGIO 2017

Questo solleva molte preoccupazione nel governo siriano e nei molti attivisti filo-governativi nella discussione sulla lealtà all'amministrazione che governerà la città e il desiderio del popolo di unirsi alla federazione curda, soprattutto dopo il gran parlare circa le pratiche razziste dell'Amministrazione federale kurda a Hasakah e Qamishli contro gli arabi. Alcune speculazioni dicono che se SDF riesce a controllare la città, potrebbe non riuscire a gestirla. Tuttavia, è troppo presto per tirare conclusioni di vasta portata.

La liberazione di Raqqah è una parte importante del più ampio sforzo volto a espellere i terroristi di ISIS  dalla  Siria e dall'Iraq. Tutte le parti condividono questo punto.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/05/la-battaglia-per-raqqah-premesse-forze.html


SCHIERATE FORZE NORVEGESI AD AL-TANF NEI PRESSI DEL VALICO DI FRONTIERA  SIRO-IRACHENO

southfront.org



Una forza militare norvegese è stato distribuita lungo il valico di frontiera di Al Tanf in Siria dopo il valico del territorio iracheno, Nalia Radio and Television ha riferito il 20 maggio , citando un comandante iracheno, Shakir Obeid. La forza norvegese schierata nella zona è parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Secondo il rapporto, la forza norvegese è lì per “proteggere” il lato siriano del valico dopo un attacco ISIS nella zona.

Prima di oggi, ISIS ha attaccato il valico di frontiera di al-Waleed (parte irachena di al-Tanaf) e distrutto due stazioni radio utilizzate dall'esercito iracheno presso quel sito. L'esercito iracheno ha respinto un attacco, ma i terroristi ISIS sono ancora presenti nelle zone vicine.











Il dispiegamento della forza aggiuntiva alla coalizione guidata dagli Usa per il valico di frontiera di al-Tanaf dopo l'attacco aereo della coalizione guidata dagli Usa che ha bombardato le forze governative siriane che avanzano nelle vicinanze .

Così, Washington e i suoi alleati stanno cercando di impedire al governo siriano di ripristinare il controllo sul confine sud-orientale del paese.




sabato 20 maggio 2017

PAUL CRAIG ROBERTS: “ASSALTO A TRUMP”
paulcraigroberts.org





Stiamo assistendo a un assalto da parte dello stato di sicurezza nazionale e dei media liberal, al Presidente degli Stati Uniti, che non ha precedenti.

Accuse insensate e non supportate, da connessioni con i russi, di tradimento o illegali sono state la colonna portante delle notizie durante la campagna presidenziale di Trump. Queste accuse hanno raggiunto il punto che c'è un movimento di impeachment guidato dallo stato di sicurezza nazionale e dei suoi media liberal  approvata dai democratici, quella sinistra americana che si è trasformata in antioperaia con la  “déplorables Trump,” di luminari come il professore Larry Tribe della Harvard Law . Il Washington Post, che non era presente alla riunione del presidente Trump con il ministro degli Esteri russo Lavrov, pretende di sapere che Trump ha dato Lavrov informazioni sulla sicurezza nazionale USA.

Il governo russo ha offerto ai media di comunicazione presstitute una trascrizione intera della riunione, ma, naturalmente, i pressitutes non sono interessati.

L'ultima novella raccontata è che Trump ha cercato di corrompere il direttore dell'FBI Comey, prima che lo licenziasse,  per non indagare Trump  sulla “indagine russa.” Chiaramente non c'è alcuna informazione rilasciata dai media americani. Il presidente non ha bisogno di corrompere qualcuno che può licenziare.

Quello a cui stiamo assistendo è la determinazione dello stato di sicurezza nazionale di mantenere la loro pregiata “minaccia russa” nel ruolo assegnato come minaccia numero uno per gli Stati Uniti. I media liberal, di proprietà della CIA dal 1950 sono in accordo con questo obiettivo.

I media americani sono così abituati ad essere ridotti in schiavitù da parte dello stato di sicurezza nazionale che non pensano alle conseguenze. Non il professor Stephen Cohen. Sono d'accordo con la sua analisi che la più grande minaccia alla sicurezza nazionale è l'assalto al presidente Trump.” 



Http://www.informationclearinghouse.info/47076.htm


Cohen ha detto che c'è un 4° settore nel governo, la comunità di intelligence, che ostacola la gestione degli affari esteri americani da parte del ramo esecutivo e il Congresso.

Per fare un esempio, ci ha ricordato che “Nel 2016, il presidente Obama ha elaborato un accordo con il presidente russo Putin per la cooperazione militare in Siria. Ha detto che stava per condividere informazioni con la Russia, proprio come Trump e i russi avrebbero fatto l'altro giorno. Mentre, il nostro Dipartimento della Difesa ha detto che non avrebbe condiviso l'intelligence. E pochi giorni dopo, hanno ucciso soldati siriani, violando l'accordo, quello, era il loro fine. Quindi, dobbiamo chiederci, oggi, chi sta dettando la nostra politica estera a Washington?

Nel 1960, il presidente John F. Kennedy pensò di essere in carica, ed è stato assassinato per la sua fede. JFK ha bloccato l'invasione di Cuba, il progetto Northwoods, e un primo colpo nucleare contro l'Unione Sovietica, e ha parlato della fine della Guerra Fredda.

Nel 1970 il presidente Nixon fu cacciato dal suo incarico, perché pensava di essere responsabile della politica estera. Come Kennedy, Nixon era una minaccia per lo stato di sicurezza nazionale. Nixon ha spinto il SALT 1 e il trattato anti-ABM, ed ha aperto alla Cina, per disinnescare anche quelle tensioni. Il complesso militare / di sicurezza ha visto il suo budget in diminuzione come una minaccia. Nixon ha pure determinato il ritiro dal Vietnam, ma è stato messo alle strette dallo stato di sicurezza nazionale. Nixon, il presidente più informato sugli affari esteri, è stato costretto a lasciare suo incarico, perché i suoi sforzi in favore della pace costituivano una minaccia per il potere e il profitto del complesso militare / sicurezza.

E' importante capire che non vi era alcuna prova contro Nixon nelle “indagini” del Washington Post . Il reporter del Post ha semplicemente messo insieme una collezione di insinuazioni che denigrano Nixon, il cui “crimine” è stato quello di dire di aver appreso del furto con scasso al Watergate in un momento a quello che effettivamente fatto. Nixon ha mantenuto la calma sul furto fin dopo la sua rielezione, perché sapeva che la CIA e il Washington Post l'avrebbero usato nel tentativo di impedire la sua rielezione.

Il “crimine” per il quale Nixon è stato rimosso è dovuto al suo successo nello stabilire rapporti più pacifici e stabili con la Russia e la Cina.

Trump, essendo nel settore immobiliare e del intrattenimento, non era a conoscenza delle mine su cui stava caminando quando ha detto che era il momento di normalizzare le relazioni con la Russia e di ripensare lo scopo della NATO.

Il complesso militare / sicurezza degli Stati Uniti si siede su un budget pagato dai contribuenti americani con forti prelievi di $ 1.000 miliardi di dollari all'anno. La minaccia di normalizzare le relazioni con il nemico, che è stato creato per giustificare questa immenso budget, Trump si è presentato come la principale minaccia per il potere e il profitto della National Security di Stato americano.

Questo è il motivo per cui Trump sarà spezzato e / o rimosso da Presidente degli Stati Uniti.

Ancora una volta la democrazia in America sta dimostrando di essere impotente. Non c'è nessuno a Washington che può aiutare Trump. Chi lo potrebbe aiutare, come me, non può essere confermato al Senato degli Stati Uniti, che è bloccato, magazzino, di proprietà del complesso militare / sicurezza, di Wall Street, e della lobby israeliana.

Trump ha tentato, di connettersi al popolo americano che soffre per il governo, un atto di tradimento contro l'oligarchia, ora, stanno facendo di Trump un esempio per dissuadere i politici che nel futuro volessero fare appelli populisti alla gente.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/paul-craig-roberts-aggressione-trump.html

venerdì 19 maggio 2017

Relazione di Guerra dalla Siria - 19 maggio 2017: Forze degli Usa combattono con l'esercito siriano di guardia alla frontiera irachena

Southfront 
19 maggio 2017
Sa Defenza 








Gli aerei da guerra che operano sotto la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha effettuato incursioni aeree contro un convoglio dell'esercito siriano arabo (SAA) che avanza lungo la strada internazionale di Al-Tanf-Damasco-Baghdad. Gli attacchi aerei mirati alle forze siriane nella zona di Al-Shuhaimi, a 50 km dalla città di Al-Tanf si trova presso il confine siro-iracheno.

I bombardamenti hanno distrutto due carri armati, e danneggiato un veicolo Shilka, vari pickup e camion. Sei combattenti SAA hanno perso la vita e 3 sono rimasti feriti.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti afferma che gli attacchi aerei erano “colpi di avvertimento” contro milizie sciite.Tuttavia, le attività delle milizie sciite presso la strada di Al-Tanf non hanno carri armati o veicoli Shilka e c'erano molte immagini e video che mostrano la presenza di elementi di delle SAA nella zona.

Gli attacchi aerei degli Stati Uniti contro le forze governative sono un chiaro segnale che Washington sta cercando di impedire al governo siriano di prendere il controllo del confine e di costruire una zona cuscinetto tra la Siria e l'Iraq che potrebbe stabilire un'alleanza nel prossimo futuro.

Nel frattempo, Jaysh al-Thuwar, un gruppo del Free Syrian Army sostenuto dagli Stati Uniti, ha affermato che i suoi militanti hanno attaccato l'SAA e impedito di avvicinarsi alla zona di Al-Tanf. All'inizio di questa settimana, un rappresentante della Jaysh al-Thuwar, ha detto che l'obiettivo del Free Syrian Army e la coalizione guidata dagli Stati Uniti è quello di prendere la città di Deir Ezzor.

Recentemente, Jaysh al-Thuwar ha ricevuto 20 mezzi tecnici, nonché alcuni missili TOW e mortai dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti, sostenendo che saranno utilizzati nella battaglia per la cattura di Al Bukamal.

Da parte sua, l'SAA ha trasferito forze significative da Homs Damasco e Suweida compresi carri armati e parti di artiglieria da 130 mm . E' stato anche annunciato che le Forze di Difesa Nazionale a Suweida parteciperanno all'operazione.

Le forze governative, guidate dalle forze  speciali Tiger dell'Esercito arabo siriano, stanno  avanzando contro i terroristi di ISIS nella parte orientale della provincia di Aleppo. Dopo le precedenti anticipazioni, le Forze Tiger hanno preso il controllo dei villaggi di Wadi Muwayih, Jub al-Ali, Tal Hasan, Nafiyah, Atirah e Mazyuna. Nei prossimi giorni, le forze governative continueranno la loro operazione contro ISIS nella zona con l'obiettivo di isolare la roccaforte ISIS di Maskanah.

Una formazione  di 248 uomini della provincia di Raqqah si sono uniti alla Forza democratica siriana (SDF), sostenuta dagli Stati Uniti. Questi combattenti parteciperanno a un'operazione volta a catturare città Raqqah dai terroristi ISIS.

L'SDF ha formato più di 50 uomini dalla provincia di Raqqah come  forze di sicurezza. Il compito di questa forza sarà quello di assicurarsi la provincia di Raqqa dopo la sua cattura.

Nel frattempo, la SDF ha imprigionato i villaggi  di  Thoul chiodo, Hamrat Ghanam, Annadah e alto Zaidane  e avanzano verso i villaggi di Hamrat Buwaytiyah e Raqqah come Samra nella campagna Raqqah.


giovedì 18 maggio 2017

Gli USA  Attaccano Militari Siriani Vicino al-Tanf, al Confine Giordano

Brandon Turbeville
activistpost.com

18 MAGGIO 2017
Sa Defenza 





Sono stati confermati i rapporti di movimenti militari siriani verso Deir ez-Zour e al-Tanf, sembrava quasi inevitabile che ci sarebbe stato uno scontro tra le forze governative siriane e quelle degli Stati Uniti e del Regno Unito, così come con i terroristi alloggiati e formatosi alla Base occidentale di Tanf. vedi mappa https://syria.liveuamap.com/

Infine, il 18 maggio, la Air Force di al-Qaeda ha colpito ancora una volta quando gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco aereo su un convoglio militare delle SAA. Secondo la CBS News ,

Gli Stati Uniti hanno inviato aerei per colpire i veicoli del regime siriano Giovedi che hanno violato una zona di deconfliction istituito intorno al-Tanf, una base militare in cui le forze speciali stanno addestrando le milizie siriane, la sicurezza nazionale dice  il corrispondente David Martin a CBS News . 
Il regime siriano ha violato la zona due volte negli ultimi giorni, relaziona Martin.

In un incidente, 27 veicoli del regime entro le 18 miglia da al-Tanf, hanno violato il raggio di 34 miglia del convoglio dell'esercito. Aerei americani hanno tentato di sorvolare i veicoli del regime, ma quando il convoglio non ha fatto marcia indietro, hanno condotto uno attacco contro alcuni veicoli. 
Nel secondo incidente, un cacciabombardiere SU-22 siriano disarmato entrato nella zona di deconfliction è stato ricevuto da una coppia di aerei da combattimento F-22 .

Più in particolare, secondo le notizia di al-Masdar , le posizioni della SAA sono state attaccate nei pressi del Rasi'i Well, dopo che le SAA sono avanzate per 35 km nel territorio in mano ai terroristi  vicino al confine con la Giordania.

Studi precedenti hanno inoltre dichiarato che il contingente militare siriano in direzione di al-Tanf è comandato da ufficiali iraniani ed è assistita da combattenti di Hezbollah. Tuttavia, è ben noto, ormai, che le forze militari siriane sono concentrate per la liberazione a est del paese.

Ora attendiamo la risposta da parte dei militari siriani e, cosa ancora più importante, la risposta della Russia. Mentre la Siria è focalizzata sulla liberazione delle parti orientali e meridionali del paese, non può continuare a consentire agli Stati Uniti di occupare e agire impunemente all'interno dei suoi confini. Ad un certo punto, gli Stati Uniti devono essere affrontati. Come verrà affrontato, tuttavia, nessuno lo sa , è tutto nelle mani di un indovino.

MACRON MESSO A GESTIRE LA FINE DELL’EURO MA NON DEL PAUPERISMO
Sa Defenza


Era irrealistico credere che il sistema bancario francese lasciasse gestire la fine, più o meno prossima, dell’euro a Marine Le Pen. Come pure era irrealistico ritenere che, una volta che il sistema bancario francese avesse confezionato un candidato, non lo conducesse poi alla vittoria con largo margine tramite qualsiasi mezzo. 

Questi “mezzi” potrebbero rimanere per sempre segreto di Stato, anche se in epoca di software informatici non ci vuole un grande sforzo di immaginazione. Il “sovranismo” sconta quindi il suo vizio di origine, cioè quello di non essersi confrontato con il potere suggestivo e illusionistico del denaro. 

Il “sovranismo” ha puntato sul movimento delle opinioni pubbliche, senza tener conto del fatto che è il denaro a creare l’opinione pubblica, convincendola magari di aver votato come non ha votato.

Dall’osservatorio italiano questa saldatura tra banche ed apparati dello Stato non può essere del tutto percepibile, perché in Italia il sistema bancario non ha un potere interno ed internazionale paragonabile a quello del sistema bancario britannico, tedesco o francese. 

Del resto l’Italia è stata per oltre un quarantennio una potenza manifatturiera, ma non è più stata una potenza finanziaria almeno dai tempi dei Medici

A differenza delle banche italiane, avvolte nel coro del colpanostrismo e prone all’idolo Draghi, le banche francesi hanno aperto un contenzioso giudiziario con la Banca Centrale Europea per contestarne i parametri di solvibilità e di “sofferenza”. 


La sfida delle banche francesi alla BCE indica chiaramente che sono pronte a cannibalizzare il patrimonio bancario altrui, ma non a farsi cannibalizzare a propria volta. 

Che in Francia un “banchiere” venisse chiamato a gestire la fine dell’euro, era quindi scontato.

Molte delle sbracate aperture di Macron alla Germania, come pure la rispolverata dell’asse franco-tedesco, appaiono quindi come tattica diplomatica, probabilmente mirata a scaricare interamente sulla controparte il fallimento della trattativa. 

I media nostrani hanno celebrato il presunto nuovo feeling tra la Merkel e Macron, fantasticando su un rilancio dell’Unione Europea e rinfocolando gli entusiasmi europeistici, peraltro presto spenti dalla nuova procedura d’infrazione che la Commissione Europea ha avviato contro l’Italia per le emissioni illegali dei veicoli FIAT in base al consueto criterio dei due pesi e due misure. 

Di fatto la cancelliera non ha concesso nulla alla Francia; ed è molto dubbio che i mandanti di Macron queste concessioni se le aspettassero davvero. 

La finanza francese deve avviare una fittizia trattativa con Berlino per far dimenticare la diretta responsabilità francese sia nella nascita dell’euro che nel massacro della Grecia, facendo apparire la Germania come l’unica colpevole dell’euro-disastro. Cosa che non dovrebbe risultare difficile, poiché storicamente i tedeschi sono specialisti nell’arte di addossarsi tutte le colpe.


La Francia ha più urgenza dell’Italia a chiudere i conti con l’euro e, a differenza dell’Italia, ha ancora gli strumenti per farlo. Il problema è che la fine dell’euro non comporta affatto la dismissione delle politiche di austerità, cioè di pauperizzazione, poiché queste sono funzionali alla finanziarizzazione dei rapporti sociali. 

La stessa confezione di Macron contiene una chiara indicazione in tal senso.
Macron ha tutte le caratteristiche del candidato artificiale e costruito a tavolino: ha l’aspetto di un attore, somiglia vagamente al Daniel Auteuil di una ventina di anni fa e può vantare anche una biografia trasgressiva ad uso del gossip più progressista. 

Persino la presenza nel suo curriculum di un’esperienza come dirigente in una delle banche Rothschild potrebbe essere soltanto un fittizio elemento di lustro nella costruzione del personaggio. Ma se i Rothschild non sono stati davvero in passato i datori di lavoro di Macron, lo sono comunque ora, dato che hanno concorso a piazzarlo all’Eliseo

I Rothschild costituiscono un cancro con molte metastasi, quindi esistono più gruppi bancari europei che possono essere fatti risalire ai vari rami di questa famigerata famiglia. Sta di fatto che questa esclusiva dinastia finanziaria non disdegna affatto di impegnarsi in un business solo apparentemente “povero”, ma in realtà ricco di prospettive di profitto, come la microfinanza, cioè il microcredito a famiglie e piccole imprese, con iniziative come il St. Honoré Microfinance Fund. Ciò significa che la pletora di ONG dedite al microcredito ai poveri ha alle spalle i gruppi bancari più potenti.


Molti commentatori hanno sottolineato che le ultime elezioni francesi hanno spazzato via il sistema politico tradizionale, sia di destra che di sinistra, quel sistema dedito alla redistribuzione sociale attraverso clientele e welfare. 

Ciò significa che si prospetta un modello di società in cui il microcredito va a svolgere sia la funzione di business che di strumento di controllo sociale. La caduta tendenziale del saggio di profitto c’entra solo sino ad un certo punto in questa finanziarizzazione dei rapporti sociali. 

La realtà è che il capitalismo, non appena cessata la minaccia del comunismo, ha potuto ritornare alla sua vocazione originaria del business della povertà; un business già teorizzato da un filosofo vissuto a cavallo del XVII e del XVIII secolo, Bernard de Mandeville.

mercoledì 17 maggio 2017

Un altro tentativo degli Stati Uniti di minare i negoziati sulla Siria tramite le ONG e Amnesty 

Altre attività criminose di ISIS fanno intravedere nella loro struttura sempre più la catena di comando israeliana.





Alla vigilia di un altro round di colloqui Ginevra VI , le grandi agenzie di stampa occidentali BBC e l'AP con suggerimento del Dipartimento di Stato hanno pubblicato altre accuse a Damasco per torture e omicidi di prigionieri politici. 

I pezzi pubblicati includono quanto detto da Stuart E. Jones, l'attiva assistente del Segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente, e due immagini satellitari, che sono state prese nel mese di gennaio 2015, sul carcere di Sednaya vicino a  Damasco.


Secondo Jones, l'edificio è stato presumibilmente utilizzato dalle autorità siriane per bruciare i corpi dei prigionieri morti con torture e trattamenti inumani.
Come prova, ci hanno portato la 'prova' di alcune organizzazioni internazionali e organizzazioni non governative, tra cui Amnesty International che sostiene che 50 prigionieri vengono uccisi al giorno

Tuttavia, la relazione dell'organizzazione sui 'diritti umani' è stata fabbricata a Londra utilizzando una tecnologia affermata di 'architettura forense'. Tale metodo sostituisce i fatti, la fisica, le foto e le prove video con animazioni ed effetti sonori creati da designer.




In altre parole, tutti i risultati di Amnesty sono stati infatti costruiti . Non hanno nulla in comune con le informazioni dall'interno della Siria che potrebbe confermare torture e omicidi. Sembra sia  la progettazione della nuova generazione di giochi per computer di horror o film. Le persone che non sempre hanno da dire, e non possono scrivere.

L'ambasciatore americano alle Nazioni Unite, Nikki Haley, si è dato da fare immediatamente  a commentare questi presunti fatti. Come fosse scattato il comando, ha accusato il governo siriano di crimini contro l'umanità pur indicando una certa responsabilità sugli alleati della Siria. Tali spettacoli sono molto efficiente utilizzati dagli stati occidentali per silurare o complicare un processo di soluzione pacifica.

Ancora un altra scoperta 'sensazionale' e 'non classificata' degli Stati Uniti su presunte esecuzioni di massa in Siria e corpi bruciati in un forno crematorio, sono molto dubbie e volte a minare il processo di risoluzione. Non è un caso che queste accuse sono pubblicate alla vigilia dei negoziati di Ginevra VI.

Ora, quando ai colloqui di Ginevra senza la parte degli Stati Uniti si sono visti divenire fruttuosi, Washington sta tentando di sfruttare i media per trasformare l'attenzione del mondo sul 'regime di Assad'. Gli avversari di Bashar Assad  non hanno bisogno di alcuna ragione o pretesto per screditare il governo siriano e sabotare il processo di pace.

Le azioni degli Stati Uniti sono un ostacolo sulla strada per la pace in Siria. Le parti in conflitto hanno dimostrato che sono pronti a trovare una soluzione della crisi e di porre fine alla terribile guerra. I risultati positivi dei colloqui di Astana hanno dato slancio al Ginevra-6. Tuttavia, invece di sostenere il processo di pace, gli Stati Uniti hanno deciso ancora una volta di attribuire una infondata colpa al governo siriano.


Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!